Chi sono

Mi chiamo Jonny ho 35 anni vivo a Sparone, un paesino di montagna in provincia di Torino a 30 km dal Parco Nazionale del Gran Paradiso. Vivo con la mia famiglia, mia mamma Ines, mio papà Antonino e mio fratello Federico. Nella famiglia c’è anche mia sorella Elisa, anche se da quando si è sposata nel 2011 vive con il marito e la mia splendida nipotina .

Continua a leggere

Il tifoso che è in me

C'è una cosa che fa parte della mia vita, un amore, una passione e un sogno: la mia adorata Inter. Perché dovete sapere (o forse lo avete intuito dalla foto in cima alla pagina) che io sono un grandissimo tifoso interista. Tutto è cominciato nel 1989 quando mio zio (quello interista) mi ha accompagnato a Milano allo stadio ad assistere ad una partita dell'Inter. Non sapevo esattamente cosa aspettarmi, a quei tempi non seguivo molto il calcio

Continua a leggere

La mia seconda vita

Da quel brutto incidente la mia vita è cambiata profondamente. Soprattutto nei primi mesi dopo l'incidente è stata una battaglia durissima. Ho lottato contro la morte, contro la solitudine, contro mille pensieri che sorgono nel momento in cui la tua vita cambia così radicalmente e così improvvisamente. Poi succede qualcosa...

Continua a leggere

AMO LE SFIDE

Nella vita mi sono successe un sacco di cose, alcune brutte, alcune belle, altre bellissime.

Continua a leggere

LA MIA PRIMA AUTO

Il sogno della macchina è nato il 5 marzo 1998, ultimo giorno di ricovero al centro di riabilitazione. In quel giorno...

Continua a leggere

LOURDES e L'UNITALSI

_01_P1180303

Una svolta significativa nella mia vita c'è stata quando ho conosciuto l'associazione U.N.I.T.A.L.S.I. di Ivrea.

Continua a leggere

LA TERRA SANTA

Una delle tante sfide (con me stesso) è stata quella di riuscire ad andare in pellegrinaggio in Terra Santa

Continua a leggere

IL MIO SOGNO

L’acquisto di un’auto che mi renderebbe autonomo e mi darebbe la possibilità di vivere una vita indipendente.

Il mio sogno di oggi è di sicuro economicamente la sfida più grande che io abbia mai affrontato. Il sogno ora di chiama “Chevrolet Orlando”. E’ un’automobile attrezzata per disabili che permette alla persona di entrare nell’abitacolo con la propria carrozzina a motore. L’accesso per la carrozzina avviene da quello che normalmente nelle auto è il bagagliaio ma che in questa super auto diventa una rampa di accesso. Pensate che potrei entrare in auto semplicemente premendo un pulsante sul mio telecomando. Il bagagliaio si aprirebbe ed io potrei entrare con la mia carrozzina a motore al posto di guida. A quel punto un automatismo mi allaccerebbe ai sistemi di sicurezza della vettura ed io potrei guidare comodamente seduto sulla mia carrozzina in totale sicurezza mia e dei miei amici. Al posto di guida poi ritroverei i comandi al volante a cui sono già ora abituato ad usare ma con delle facilitazioni che mi permetterebbero di fare meno sforzo nella guida quindi di avere una maggiore autonomia.
Questa super macchina mi darebbe la possibilità di andare autonomamente dove voglio. Non riesco neanche ad immaginare ora tutte le cose che potrei fare con questa nuova macchina. Dalle cose più semplici come ad esempio portare la mia mamma a fare la spesa, andare a prendere la mia nipotina all’asilo. Alle cose che fanno tutte le persone “normali” come andare al mare qualche giorno o semplicemente andare in giro con gli amici il sabato sera. Soprattutto però potrei fare due cose importanti: trovarmi un lavoro fuori dal mio paesello e perché no trasportare altre persone disabili meno fortunate di me che potranno avere bisogno di un passaggio in auto. In poche parole, quest’automobile cambierebbe davvero la mia vita.

Clicca sul video per vedere dal vivo il mio sogno

COME PUOI AIUTARMI

L'indipendenza che sto cercando questa volta da solo non riesco a conquistarla,
ho bisogno del contributo di tutti!

Non è nelle mie corde chiedere aiuto, sono sempre stato una persona orgogliosa e indipendente. Chiedere, in questo sito, un aiuto dalle persone esterne alla mia famiglia mi costa fatica, molta fatica. Fatica morale perché in qualche modo mi fa sentire due volte disabile. Purtroppo la condizione in cui sono da 17 anni non l'ho scelta io e da quel momento il mio orgoglio l'ho dovuto, con rammarico, mettere da parte. Anche se all'inizio non è stato facile, col tempo mi sono dovuto abituare e rendere conto che da solo io non ce la faccio, ho bisogno comunque dell'aiuto delle persone.

L'AUTO E LE MODIFICHE PER DISABILI COSTANO 50.000€

Io sto cercando in tutti i modi e con tutte le mie forze di trovare i soldi necessari
per realizzare questo sogno che, grazie alla generosità di tanti amici, sta diventando sempre più vicino.

 

UNO SCIENZIATO DISSE :

"datemi una leva e vi solleverò il mondo"
Con il tuo aiuto, che sarà il mio punto d'appoggio, potrò comperare la macchina che mi permetterà di sollevare la mia vita e... per te sarà come aver sollevato il mondo !

Vuoi contribuire al mio sogno ?

Se vuoi aiutarmi puoi versare anche una piccola somma sul conto corrente postale :
IT79X0760101000001021902919
Intestato a Gionni Billeci
via S. Pietro 10 10080 Sparone
 
 

Vuoi Organizzare un evento di raccolta fondi?

Una serata in discoteca, una manifestazione, contattami su info@unamacchinapergionni.it, mi farà piacere parlarne con te e trovare insieme un modo per raggiungere il mio sogno.

Scrivimi

info@unamacchinapergionni.it

Donazioni con PayPal

Se preferisci aiutarmi usando Paypal,
clicca sul bottone qui sotto.